lunedì, aprile 30, 2007

Scie chimiche - Fermiamoli!

Le scie di condensa si formano a quote superiori ai 9.000 metri, valori di umidità superiori al 72% e temperature inferiori a -41° Celsius. Qualsiasi velivolo che rilasci copiose scie a quote inferiori e condizioni di umidità e temperatura non idonee, è un aereo chimico. Fermiamoli!


domenica, aprile 29, 2007

Chemtrail Contamination

sabato, aprile 28, 2007

Collegamento tra chemtrails e controllo psichico della popolazione terrestre (articolo di Bois)

Quando inciampammo nel problema "scie chimiche", comprendemmo subito la natura diabolica del fenomeno, ma per lunghi, estenuanti mesi, ci siamo arrovellati per tentare di capire i veri e vari scopi dell'infame, mostruosa operazione. A distanza di circa due anni, Bojs, ricercatore indipendente dallo sguardo acutissimo, propone quella che è più di un'ipotesi, perché, a mio parere, è una spiegazione di un problema che oltrepassa l'immaginazione. Il riferimento al film Essi vivono, di John Carpenter, è la chiave di volta di questo studio che suggella una serie di testi spesso sconvolgenti, ma che, meditati ed assimilati, potranno essere salutari, se getteremo alle ortiche vieti pregiudizi e logori schemi. Dicevo della pellicola Essi vivono... uno di quei casi in cui la finzione è più reale della "realtà". Osserviamo di là delle illusorie apparenze e ci accorgeremo che "essi vivono", sebbene siano morti, perché forse letteralmente senz'anima... Ricordo, infine, che a questo articolo di Bojs ne seguiranno altri: continueremo così il viaggio nell'inferno, ma con la speranza di "riveder le stelle".

Siamo giunti sulla collina che sovrasta il paese delle meraviglie e con stupore vediamo più dettagliatamente i particolari che da lontano ci sembravano altra cosa...

Ad oggi molte persone pensano che una tra le ragioni per l'irrorazione tramite chemtrails sia il progetto “Malthus” per diminuire la popolazione terrestre, tramite le velenose sostanze biologiche e metalliche trovate nelle stesse e sparse sulla terra, nell'acqua e sulle popolazioni. Ma, durante il corso degli anni, questo non ha di fatto portato ad una significativa diminuzione della popolazione mondiale. Anche se noi siamo sicuri che hanno avuto effetti dannosi sulla salute delle persone, probabilmente le scie chimiche non sono generalmente più mortali (a breve termine -ndr) dell'uso di cocaina ogni giorno. E' vero che ci sono stati rapporti da parte di ospedali che hanno avuto molti ricoveri di persone con problemi ai polmoni dopo l'irrorazione tramite chemtrails, ma questo solo nei primi giorni, generalmente. Ci sono senza dubbio gruppi di potere occulti coinvolti in progetti che hanno fatto uso di questo tipo di aerei per compiere questi orribili esperimenti all'insaputa dei popoli. Ma noi stiamo cercando una motivazione più profonda, che è la “ragione vera” per cui irrorano con queste sostanze le aree abitate dell'intero globo.

Nel 2000, assieme ad alcuni ricercatori indipendenti, cominciammo ad arrivare ad un'idea su quale sia il movente e la vera ragione che sono dietro alle chemtrails. Alcuni di questi ricercatori iniziarono a viaggiare per seguire tali tracce. Stavano guidando attraverso il deserto del Nuovo Messico e c'era bel tempo, con un cielo chiaro e limpido (come si vede assai raramente da noi oggi - ndr) senza chemtrails per centinaia di kilometri. Ma, nel mentre si godevano lo stupendo spettacolo di un cielo azzurro e terso, arrivarono ad una piccola città di forse solamente 8-10.000 persone… e sorpresa! Erano dappertutto! Improvvisamente il cielo era pieno di chemtrails. Una volta passata la città, le chemtrails non erano più visibili in nessun luogo. Questo diede un indizio: la ragione dietro lo spargimento di chemtrails è riferibile soprattutto a luoghi dove vivono persone, anche se ci sono casi in cui l'irrorazione avviene in zone disabitate per scopi diversi. Queste non servono affatto a salvarci dal surriscaldamento globale creando uno strato di rifrazione, come molti, mentendo, affermano. Ci sarebbero state altrimenti, per milioni di kilometri quadrati, anche nei deserti e sugli oceani di tutto il mondo molte chemtrails, come c'erano su una piccola città.

A questo punto, seguendo un impulso interiore, un altro indizio entrò nelle osservazioni che abbiamo fatto: il comportamento delle persone durante il corso degli ultimi anni. Può essere solo una percezione, ma sembra che ora sia più difficile trovare persone le quali realmente percepiscono o vedono il male in fatti che dovrebbero far sorgere almeno dei dubbi e che si esplica sotto i loro occhi, tramite questi mezzi visibili, come nel caso delle chemtrails, anche rispetto a solo otto anni fa. Ed è anche più difficile trovare oggi molte persone disponibili a fare (oltre le parole - ndr) qualsiasi azione di propaganda attiva volta ad informare altri. Oppure è difficile che si compiano azioni molto più semplici, come leggere ed informarsi approfonditamente su tali argomenti. Io ho parlato con altre persone che hanno detto la stessa cosa e cioè che loro possono parlare a cinquanta persone e solamente due di queste sembrano davvero sentire e capire quello che stanno dicendo loro.

Il fatto è che chiaramente, durante il corso di questi ultimi anni, molti di noi, ricercatori e proclamatori free-lance della verità, ci siamo spostati al di fuori della realtà percepita dalla maggioranza delle persone. Ciò è avvenuto proprio tramite quello che continuamente stiamo imparando. Quindi noi dobbiamo davvero e spesso ricordarci che ci sono ancora moltissime persone a cui interessa solamente la motivazione indotta per la quale sono in vita e quindi solo le cose che a loro piacciono. Che stiano andando a comprare un'automobile o che vadano al cinema o a ballare ed ancora che cosa faranno nel fine-settimana… tutto il loro schema di essere ed esistere è confinato all'interno di una realtà fittizia. Mi piace parlare con questo tipo di persone ed usarle come una guida per ricordarmi cosa è "normale" oggi per la maggioranza. E mi sembra comunque, anche con questo in mente, che le persone siano sempre più immerse in una specie di zombificazione, anche quando sembrano sveglie.

Ecco un dialogo tratto dal film Essi Vivono. Non crediate che sia solo fiction:

"... i nostri impulsi sono reistradati. Noi stiamo vivendo in un stato artificialmente indotto di coscienza che assomiglia al sonno… il movimento ebbe inizio otto mesi fa da un piccolo gruppo di scienziati. Essi scoprirono incidentalmente che questi segnali possono essere indotti attraverso la televisione... il povero e le classi proletarie stanno crescendo. La giustizia razziale ed i diritti umani sono inesistenti. Loro hanno creato una società repressiva e noi siamo i loro complici inconsapevoli... la LORO intenzione è di dominare tramite l'annientamento della coscienza. Noi siamo stati cullati all'interno di una trance. Loro ci hanno reso indifferenti, alla nostra salvezza, agli altri, noi ci siamo concentrati solamente sul nostro proprio guadagno. Per favore mi capisca... loro si sentono sicuri finché non vengono scoperti. Questo è il loro primario metodo di potere e sopravvivenza. Ci tengono addormentati, ci tengono egoisti, ci tengono buoni... loro stanno smantellando l'addormentata media borghesia. Sempre più persone stanno diventando povere. Noi siamo il loro bestiame bovino. Noi siamo schiavitù. La rivoluzione?... Noi non possiamo interrompere i loro segnali, la nostra trasmittente non è abbastanza potente. Il segnale deve essere spento alla fonte!".

Scoprire tutto quello che stanno provocando e che vogliono attuare tramite le chemtrails. Questo è il nostro scopo: SPEGNERE IL SEGNALE ALLA FONTE!

Ed esiste un solo modo per farlo. Noi dobbiamo unirci e spiegare il modo per farlo e divulgarlo!

Purtroppo tutta l'evidenza riferita dalla maggioranza dei ricercatori sulle chemtrails è solo la presenza di vari composti dannosi al corpo umano. Questo è stato “voluto” e “controllato” dai soliti S.S. come depistaggio dai “veri fini” del progetto chemtrails. Molti. analizzando i capelli (mineralogramma), riportano che parecchie persone hanno livelli molto alti di bario ed alluminio nei loro corpi. E questo non è affatto bene, ma qualcosa di più terribile e devastante si nasconde dietro questo infame progetto.

Mettendo insieme tutte queste informazioni, un giorno rimasi colpito su quello che noi crediamo sia il vero scopo delle chemtrails, che non è l'avvelenamento dei corpi, ma il controllo non solo della mente come massa cerebrale, ma di quanto è contenuto in essa, a livello spirituale: la coscienza di essere ed esistere! Questa parte del progetto si occupa di ciò che è in basso, l'uomo, ma esiste anche quella che si occupa di ciò che è in alto, la ionosfera (come in basso così in alto, diceva il tre volte saggio Trismegisto – ndr). Questo viene attuato immettendo un livello molto alto di questi particolari metalli (descritti e analizzati in dettaglio nel sito di Straker e Zret sulle scie chimiche - ndr) in tutte le persone della terra. Lo scopo è trasformare ognuno di voi in una specie di palmare wireless ambulante, utilizzandovi come base dati e link di una luciferina rete globale e farvi vivere come in Matrix, quello che io chiamo web 3.0 “la realtà virtuale finale” (il web 2.0 semantico, di cui sentite parlare, è solo una piattaforma verso la realizzazione di questo diabolico progetto - ndr). Gli esseri umani hanno una carica elettrica per natura. Oltre alla nostra complessa e non ancora ben compresa composizione elettrica, noi abbiamo un altro lato psicoenergetico poco conosciuto chiamato Campo Elettromagnetico Informato (C.E.I.).

I nostri meridiani e chakra sono solamente il componente di base di questo lato ignoto. Questo lato psicoenergetico è molto sensibile al campo elettromagnetico ed al segnale scalare magnetico collegato alla banda dei “Terahertz”. Saturare le creature umane con questi specifici metalli li rende più sensibili ed adatti a ricevere e trasmettere segnali in questo range. Molta ricerca è stata condotta e molti brevetti sono stati registrati relativi all'influenza remota, telepatia elettromagnetica, controllo della mente e della psiche umana. Vi consiglio di leggere gli altri nove articoli di questa serie presenti in questo blog.

Più un organismo è complesso e più sono necessarie riserve di elettroni e di protoni. Un aumento di protoni fa calare il valore del pH; un calo di protoni aumenta il valore del pH. Questi sono fondamentali ed insostituibili per poter svolgere tutte le complesse funzioni cellulari ed organiche dell'organismo stesso; ed è incalcolabile il numero delle reazioni bioelettriche che, in ogni istante, avvengono in relazione fra esse negli organismi complessi come il nostro. Inoltre le sostanze acide sono “trasmettitori di protoni”, mentre le sostanze basiche sono “ricevitori di protoni”, secondo quanto affermato da Broenstedt nel 1923. Quindi?

Alterando la composizione bioelettrica del corpo umano tramite le sostanze contenute nelle chemtrails, il vostro C.E.I., di cui sopra, viene riprogrammato per rispondere ed interagire ai segnali irradiati, via wireless (UMTS), dalla rete di telefonia mobile ormai presente in tutto il mondo e controllata occultamente da un GigaServer che occupa 2000 mq (dove arrivano e vengono archiviate tutte le informazioni trattate da Echelon – ndr) oggi detenuto dalla sinarchia nella base segreta sotto Londra chiamata The Crypt. The Crypt sarà usato quando la sinarchia globale, in società con le entità chiamate “alieni” o “demòni”, prenderà il potere globale sul pianeta terra (di tutto questo parleremo in un'altra serie di articoli – ndr).

Inoltre pochi sanno che è possibile modificare gli stati psicoenergetici tramite la luce e, poiché le chemtrails creano una barriera a certe frequenze di luce piuttosto che ad altre, interagiscono con questi stati psicoenergetici, modificando il vostro stato, non solo fisiologico, ma soprattutto psichico. Negli U.S.A. alla Cornell University (N.Y.), sono stati condotti dei semplici esperimenti che hanno confermato quanto si sapeva da millenni: la Luce modifica gli stati fisiologici degli esseri viventi, vegetali, animali, umani.

Per non dilungarci troppo, diciamo, per il momento, che tutte queste cosiddette tecnologie vanno a sconvolgere anche le frequenze umane Alfa, Delta, Theta e Gamma. Queste onde speciali a bassa frequenza, sono quelle che ci permettono di entrare in sintonia ed armonia con TUTTA la Vita nell’Universo e ci consentono di ricevere od inviare informazioni, uditive, olfattive, gustative, visive, tattili. Ci permettono, cioè, di percepire il mondo tridimensionale da tutti vissuto e conosciuto sino ad oggi.

Ci sono altre ragioni per cui vengono utilizzate le chemtrails oltre a questa, ma io credo che questa sia una ragione notevole, se non la più importante di questo complesso e alieno progetto.

Come potete difendervi? Il modo principale - lo ripeto anche se già descritto nel precedente articolo - è il seguente: vivere in modo più sano possibile a livello morale e spirituale, modificando i vostri pensieri e comportamenti tramite l'Amore e l'empatia. Così il vostro spirito si ravviva e rafforza il D.N.A. che può reagire all'attacco e renderlo immune più facilmente a queste frequenze. E' importante comprendere tutto questo: anche se la vostra mente razionale vi dice tutt'altro, sappiate che ci siete già dentro con tutte le scarpe. E se non lo fate subito, solo “quattro tavole di legno” (intendo? - ndr) intorno a voi possono liberarvi dalla possessione. So che può sembrarvi pazzesco tutto questo, ma, se non iniziate a vedere “oltre” quello che avete creduto vero sino ad oggi, vuol dire che siete terreno fertile e pronto a ricevere il seme della sinarchia luciferina.

L'altro metodo relativo all'aspetto fisico è il seguente: migliorare la dieta, eliminando totalmente zuccheri raffinati e soprattutto edulcoranti vari ed ASPARTAME contenuto nella maggioranza dei prodotti senza zucchero. Preferite il miele e lo zucchero di canna vergine (non quello fasullo dei bar colorato con caramello - ndr) o, se proprio non vi piace, usate almeno il fruttosio: non sarà il massimo, ma è meglio dei primi. Un altro modo è aggiungere “cilantro” al corpo, perché questo aiuta ad espellere i metalli. Un altro modo è la disintossicazione intestinale dall'accumulo di flore batteriche contaminate da metalli. NON USATE yogurt di nessun genere per disintossicarvi, perché, così facendo, avrete come effetto l'esatto contrario. Infatti moltissimi usano regolarmente yogurt, pensando (a causa della pubblicità - ndr) che faccia bene a molte cose, mentre, in realtà, intossica il corpo e lo induce in uno stato di stress perenne e soprattutto indebolisce le difese organiche, al contrario di quanto pubblicizzato. Quindi lo yogurt fa il gioco dei metalli in quanto li rende (proprio tramite la flora batterica di yogurtiana memoria – ndr) biodisponibili al viaggio verso il nostro D.N.A. Se non ci credete, chiedetevi almeno perché, da molti anni, spendono miliardi e miliardi per pubblicizzare questo bianco prodotto che non è affatto indispensabile alla nostra vita: se lo fanno non è solo per l'aspetto economico! (degli alimenti pubblicizzati riparleremo in seguito – ndr). Per una disintossicazione efficace ed utile (anche prescindendo dalle scie chimiche – ndr) fate un digiuno serio di almeno 37 ore, bevendo solamente tè verde, ricco di proprietà benefiche quali tannini, sali minerali ed altre sostanze nobili ed utili. Il tè verde è coudiuvante al digiuno e vero disintossicante fisico e spirituale. RICORDATE che questo, come altri tipi di disintossicazione, spesso non dà effetti immediati.

Probabilmente il metodo migliore per rimuovere i metalli dal corpo è la terapia detta chelazione EDTA. La chelazione esplicata dall'EDTA (un aminoacido) si lega alla molecola di metallo pesante e viene espulsa dal corpo. È sicura, è un processo studiato, medicalmente approvato per trattare avvelenamenti da metallo pesante. È un sistema totalmente sicuro su persone con funzione renale normale e molto efficace. La chelazione, normalmente, è fatta per via endovenosa da un dottore, ma questo è molto costoso, in quanto sono necessarie varie visite specialistiche di controllo al costo di circa 100 euro a visita. La chelazione orale, invece, è molto inefficiente. Un nuovo metodo efficace ed utile nel 75% dei casi è la chelazione tramite supposta. Molti la raccomandano e la usano regolarmente. So che farà ridere, ma questa non è affatto una cosa su cui scherzare.

In ogni caso la cosa più importante da fare, lo ripeto, è la seguente: cambiare le nostre vedute e di conseguenza modificare i vostri stati di animo per entrare in sintonia ed armonia non solo con l'universo e l'amore infinito (come qualcuno ha detto – ndr), ma con qualcosa e qualcuno di Superiore alla stessa creazione, vivente, senziente, attivo e accompagnato da miriadi di altri simili a Lui. La fonte e l'origine di ogni tipo di Amore.

Vivete, d’ora in poi, con spirito diverso ed occhi nuovi la vita. Nuovi fratelli cammineranno accanto a voi. Aprite la porta dimensionale sita in voi e fate scorrere potente e libero il vero Amore verso gli altri, anche verso coloro che ritenete malvagi.

Solo in questo modo si può distruggere il segnale alla fonte! Questa è la vera rivoluzione!

Questo articolo segna la fine dei 10 in cui abbiamo approfondito vari aspetti di un problema molto importante. Perdonatemi se molti punti a cui ho accennato non sono stati approfonditi, ma lo spazio nel blog non lo consente e d'altro canto nessuno leggerebbe un articolo lungo e complesso, oltre al fatto che, chi naviga in Internet, scorre le notizie saltando qua e là, non soffermandosi spesso su nulla (questa è la triste realtà). Spero abbiate potuto recepire almeno il senso del messaggio, ma di certo non finisce qui il mio umile contributo alla conoscenza che porta alla salvezza. Fatene tesoro, anche se ancora non comprendete bene il tutto o non lo credete vero.

Stampate e rilegate i 10 articoli in sequenza, rileggeteli, elaborateli, approfonditeli e soprattutto divulgateli e spiegateli ad altri.

Infine chiedo venia a tutti coloro molto più istruiti e saggi di me, per qualche gaffe ortografica o inesattezza nell'esporre le informazioni.

E' solo un piccolo inizio, ma da un piccolo seme nasce un grande albero.

To be continued...

L'Australia ora prega per la pioggia (articolo di Marina Forti)

L'articolo che proponiamo testimonia la gravissima situazione di siccità che affligge l'Australia: la penuria di piogge ha terribili ripercussioni sulla produzione agricola e sull'approvigionamento idrico delle città. Evidentemente qualcosa non quadra nella formuletta citata dal "meteorologo" con il farfallino. Non sarà per caso colpa delle scie chimiche, se le precipitazioni sono diminuite in modo tanto drastico, proprio in quei paesi i cui cieli sono attraversati dai velivoli della morte? Purtroppo la brillante redattrice nulla sa di ciò (o finge di non sapere) ed attribuisce la rarefazione delle piogge al fantomatico e misterioso "cambiamento del clima". Per capire quali sono non solo le vere cause dell'aridità, ma anche gli interessi economici collegati all'impoverimento delle risorse idriche, si leggano i testi inseriti in questo blog, come, ad esempio La carestia è servita o Siccità ed altri disastri.

Chissà quanto si sono sentiti rassicurati, gli agricoltori australiani, quando il loro primo ministro John Howard ha dichiarato, in pieno parlamento: "Dobbiamo sperare e pregare perché piova". "La situazione è estremamente difficile", ha aggiunto il premier, "inutile fingere il contrario". È così: da una decina d'anni l'Australia sta soffrendo di siccità e la situazione va peggiorando dal 2002 e poi di nuovo dal 2006: è la peggiore siccità da almeno un secolo, a quanto pare e non accenna a finire, tanto che giovedì Howard ha convocato una conferenza stampa per annunciare un piano d'emergenza. Ha detto che nei bacini idrici del paese resta abbastanza acqua per il consumo umano essenziale nelle città e negli insediamenti del bacino Murray-Darling - il bacino dei due principali fiumi nell'Australia occidentale, principale zona coltivata e «granaio» dell'intero paese. Non c'è però abbastanza acqua per alimentare le campagne: così il flusso nei canali d'irrigazione sarà sospeso. Da tempo ormai gli Australiani di città sono abituati a un razionamento severo (sta per finire un'estate in cui è stato vietato annaffiare i giardini più di una volta alla settimana, con controlli draconiani per evitare sprechi e multe salate ai trasgressori). Ora, però, anche i farmers (contadini) dovranno fare a meno dell'acqua per irrigare.

Questo significa che la produzione agricola crollerà ed anche l'export (l'Australia è uno dei grandi esportatori mondiali di cereali) e che i prezzi dei generi alimentari saliranno. Il governo prevede che la siccità prolungata "mangerà" circa l'1% del prodotto interno lordo del 2006-07 (pari a 940 miliardi di dollari australiani, 789 miliardi di dollari Usa). Il bacino Murray-Darling è un territorio grande circa come la Spagna e la Francia sommate e contribuisce al 41% della produzione agricola australiana. Per tutte le colture che dipendono dall'irrigazione, i raccolti sono già calati l'anno scorso: il cotone, pianta che beve molta acqua. ha prodotto 250 mila tonnellate nel 2006-07 contro quasi 600 mila tonnellate l'anno prima e le oltre 800 mila tonnellate nel 2000-01. È in declino la produzione di uva da vino: quest'autunno ne hanno raccolte 1,3 milioni di tonnellate, il 30% in meno rispetto al 2000. Il riso è crollato: 106 mila tonnellate nel 2006 contro 1,6 milioni di tonnellate prima dell'ultima ondata di siccità e, probabilmente, non si raccoglierà quest'anno a meno che non piova.

Il premier Howard ha concluso la sua conferenza stampa dicendo che le cose «sono nelle mani di Dio». Da qui l'appello a sperare e pregare... Nel paese, però, la siccità prolungata ha acceso un dibattito sull'insieme delle politiche ambientali. Il «gruppo di lavoro sull'impatto del cambiamento del clima» del C.S.I.R.O., la massima istituzione scientifica nazionale, stima che ogni previsione futura sul sistema delle precipitazioni sia incerta, ma considera che sia ragionevole attendersi una diminuzione delle piogge invernali (l'Australia sta andando ora verso l'inverno)."La penuria è reale e l'Australia deve abituarsi all'idea che ci sarà sempre meno acqua", ha dichiarato di recente Peter Cullen, un esperto idrologo e membro del Wentworth Group of Concerned Scientists («Gruppo di scienziati impegnati»). "Le piogge nel sud e sud-ovest del paese sono andate diminuendo sempre più", ha detto ad un importante quotidiano nazionale, ma i responsabili degli acquedotti un po' ovunque nel paese hanno adottato una strategia interessante chiamata "speriamo che piova".

Già, proprio quello che ha detto il premier John Howard. "Ma è una strategia che non funziona", attacca lo scienziato: il clima sta cambiando, la siccità è più frequente, vediamo sempre più forti ondate di caldo e ondate di incendi. Anche se non possiamo dire per certo che è il cambiamento del clima a modificare il sistema delle piogge, è un'ipotesi plausibile. Inutile sperare che piova: "La realtà è che dovremo abituarci a vivere con meno acqua e sarà molto difficile".

Fonte: Il Manifesto

martedì, aprile 24, 2007

Antenne UMTS e mutazioni genetiche



Dire di avere certezze oggi è una delle imprese più difficili. Soprattutto quando si vorrebbe sapere di più sui rischi che possono comportare sulla salute umana, oggetti (tv, radio, telefonini, elettrodomestici a microonde, e altri ancora) che sul mercato mondiale determinano i profitti e gli incassi di grandi colossi economici. Infatti, i magnate si premuniscono di finanziare, e di istruire come devono, ricercatori e scienziati, al fine di ottenere da questi le più spregiudicate falsificazioni di dati che garantiscono l’ignoranza popolare e l’arricchimento privato, anche se ciò potrebbe provocare la morte di centinaia di migliaia di uomini e donne, perché esposte a campi elettromagnetici in grado di provocare mutazioni genetiche, neuroma acustico, tumori, insomma, di uccidere profondamente e lentamente.

Sono stati casi eclatanti come quello di Radio Vaticana, in Italia, a incoraggiare gli scienziati più sensibili alla ricerca della verità, a rendere pubblici gli effetti dell’elettrosmog. In realtà, non si può parlare di effetti, ma di rischi, poiché la sperimentazione è in corso, oltre che in laboratori di ricerca, anche nella società. Anziché dei topolini, siamo noi stessi ad essere sottoposti, per le generazioni future, a test sulle nostre capacità di ‘adattamento’.

Un articolo, pubblicato di recente sul web dall’Unione Sarda, avverte che i ricercatori dell’Università di Lundt, guidati dal professor Salford, che si occupa da 25 anni del problema, hanno scoperto che irradiando gruppi di topi di età compresa tra le 12 e le 26 settimane per due ore consecutive a valori bassissimi, di 1,2 v/m, la barriera emato-encefalica si altera e lascia passare nel cervello sostanze nocive quali la sieroalbumina. E siccome l’età di quei ratti corrisponde a quella degli adolescenti di 12-14 anni, estrapolando il risultato dal ratto all’uomo, Salford ha messo in guardia sul fatto che stiamo allevando una generazione di giovani che andrà incontro a fenomeni di senescenza cerebrale estremamente anticipata.

L’allarme lanciato dai primi studi indipendenti, in merito ai principali tipi di effetti possibili come quello termico, cioè il riscaldamento del corpo umano oggetto di radiazioni, ha fatto sì che le Istituzioni italiane e le Autorità europee ed internazionali stabilissero dei limiti di applicazione. In Italia il Decreto Ministeriale 381 del 1998 definisce 6 volt/metro come limite da non superare mai e impone la minimizzazione dei valori di esposizione. Fissati limiti condivisi da istituti di ricerca pubblici, Aziende multinazionali di telefonia e Autorità, la questione, comunque, è tutt’altro che chiusa, poiché mentre la ricerca continua il proprio lavoro, la tecnologia s’innova.

L’UMTS, "Universal mobile telephone system", è la terza generazione di servizi telefonici mobili. La prima era la rete analogica, la seconda quella Gsm, che ha invaso l'Italia con 56,7 milioni di utenti nel 2003. Con l'Umts (500.000 abbonati in Italia nel 2003), che usa potenze più basse, ma frequenze più alte, intorno ai 2250 MegaHerz, alla telefonia mobile si aggiungono Internet, e-mail, fax, banche dati da scaricare o trasmettere. Se per le prime tecniche di radiotrasmissione c’erano dei rischi elevati, logica vorrebbe che per le seconde e le terze, ‘innovazione’ significhi riduzione dei danni scientificamente rilevabili. Purtroppo la logica di chi scrive, che metterebbe al primo posto la salute pubblica, non è la stessa dei grandi padroni della produzione e del commercio. La logica del profitto, oggi dominante, spinge per l’installazione su tutto il pianeta, a partire dai paesi più industrializzati, di Antenne sempre nuove, senza che ci siano risultati certi sulla loro innocuità.

Al contrario, c’è uno studio del 1997, del dottor Henry Lai, statunitense, che ha dimostrato come queste particolari frequenze (Umts) siano in grado di rompere i filamenti del Dna. Lo Stato, in questo contesto, avrebbe un ruolo importante. Se in Paesi come Svezia, Danimarca ed Olanda, i cittadini congiuntamente ai governi, decidono di non permettere l’installazione sulle abitazioni; nel nostro Paese il governo di centrodestra, ha promulgato una legge, il decreto 198/2002 Gasparri (Alleanza Nazionale), che liberalizza il mercato, cosicché con un’offerta di svariate migliaia di euro, le multinazionali della telefonia (Tim, Vodafone, ecc.) possono comprare da privati cittadini il loro tetto per installare antenne UMTS, le quali hanno bisogno di un campo d’azione di massimo 500 metri tra Stazione Radio Base e telefono cellulare per funzionare correttamente.

Perciò, potremmo ritrovarci a vivere in un permanente campo elettromagnetico: perché la videochiamata funzioni c’è bisogno di campo, quindi, in teoria, di un’antenna ogni 500 metri. Sarebbe proprio così, se non fosse per la legge regionale 30/2000 che, ad esempio, in Basilicata prevede che ogni Comune abbia un proprio Piano controllato di Localizzazione di Antenne, in modo da ridurre il danno di una proliferazione selvaggia.

A Lauria il Consiglio Comunale dell’11 Agosto 2006, ha riaperto la questione (dopo la vicenda Siemens che coinvolse, più di tutti, la contrada Seta) e sembra che le forze politiche vogliano risparmiarci una mobilitazione per evitare che il nostro Comune, come purtroppo tanti altri, si trasformi in una specie di comunità con gli uomini appendici delle antenne.

Nonostante questi primi passi che sembrano muoversi in difesa di un principio elementare come quello di precauzione e di tutela, noi, però, non ce la sentiamo di mantenere la calma. Tutt’altro, vorremmo che ogni cittadino si informi senza delegare. Ci aspettiamo che la scienza e le autorità ci diano al più presto delle risposte, non dopo l’ennesima ‘epidemia’ di tumori, ma prima. Secondo noi, non è in dubbio il valore del progredire tecnico che ci permetterebbe di pensare una vita diversa, di accorciare le distanze tra paesi e popolazioni lontane, di far circolare informazioni e beni di grande importanza. Più precisamente ci chiediamo se la scienza e le sue scoperte non possano essere finalizzate alla difesa dei diritti umani, tra cui quelli all’informazione ed alla salute, ed a liberare l’uomo attraverso la macchina, piuttosto che renderlo sempre più suo schiavo.

Come per esempio potremmo cominciare a fare con le energie alternative rispetto al petrolio e al nucleare, probabilmente, le stesse utilità dell’Umts potrebbero aversi attraverso altri strumenti, magari più sicuri. Ora come ora, sappiamo ciò che non vogliamo, e cioè diventare delle cavie solo perché l’ha deciso l’aristocrazia che governa il mondo. Non è una questione di morale salutista, per cui la difesa di ciò che è sano viene prima di tutto. Pensiamo che debba essere rispettato il diritto a poter scegliere sulla propria vita, quindi anzitutto il diritto alla conoscenza, senza il quale ogni libertà è un’illusione o una parola che significa il suo contrario.

Link correlati

Grazie a Freenfo per la segnalazione.

Fonti:
http://www.indicius.it/
Organizzazione Lucana Ambientalista

domenica, aprile 22, 2007

Le Forze Armate rivelano la presenza di UFO in Cile

Più di 1.000 appassionati ed esperti si sono riuniti in occasione della Conferenza Internazionale di ufologia organizzata dal Gruppo Ufologico d’Indagine del Cile (AION). Il punto saliente del convegno è stata l’esposizione di fotografie scattate da membri delle Forze Armate Cilene. L’ufologia è lo studio di oggetti volanti non identificati, o UFO. Mentre molti esperti di ufologia ritengono che la materia non venga presa seriamente dagli scienziati, secondo i partecipanti alla conferenza di Vina del Mar la presenza di diversi membri delle forze armate ha conferito legittimità all’avvenimento.

Rodrigo Fuenzalida, direttore dell’AION, ha detto che la presenza dei militari è stata importante per via della ben nota obiettività dei loro resoconti e dell’avanzata tecnologia che può venire utilizzata per controllare i loro avvistamenti. I video e le fotografie dei militari sono state mostrati lo scorso martedì sera. Comprendevano la fotografia di un oggetto sferico metallico ripreso mentre volava sull’Antartide e il video di una nave della Marina inseguita da un oggetto luminoso nel 2000.

Alla conferenza è stato presentato anche il resoconto di Rodrigo Bravo, Capitano della Quinta Divisione dell’Esercito, che ha illustrato, davanti ad un pubblico affascinato, la sua tesi, intitolata, “Osservazioni Sui Fenomeni Aerei non Identificati, Identificati dall’Aeronautica Civile”. Anche se l’intervento di Bravo non era tecnicamente rappresentativo della posizione delle istituzioni in materia di UFO, il capitano è stato comunque autorizzato a presentarlo dal suo comandante in capo.

“Il Capitano Bravo nel suo intervento ha spiegato il suo punto di vista sull’importanza degli UFO in quanto fenomeno”, ha detto Fuenzalida. “Ha parlato di incontri come quelli dei tre elicotteri vicino a La Union, quando un UFO avvistato, atterrò al suolo, e ciò che accadde nel 2000, quando cinque persone sono state inseguite da un oggetto luminoso invisibile sugli schermi radar”. Fuenzalida ha negato l’esistenza di “indagini segrete” portate avanti dalle Forze Armate sull’attività extraterrestre.

Al convegno era presenta anche l’ufficiale in pensione Armando Valdes, noto per il suo coinvolgimento nel primo caso documentato di abduction del Cile, poi conosciuto come il Caso Valdes. Il 25 aprile 1977, Valdes, assieme a cinque membri di pattuglia dell’esercito vide due oggetti luminosi scendere dal cielo. Valdes si avviò da solo per indagare e, secondo i colleghi, svanì. Quindici minuti dopo, hanno raccontato, riapparve, cercò di parlare e perse conoscenza. La data sul suo orologio era stata portata avanti di cinque giorni, e l’uomo mostrava una crescita della barba di circa una settimana. Secondo i colleghi, nel momento in cui Valdes aveva cercato di riprendere conoscenza, aveva detto, “Voi non sapete chi siamo, né da dove veniamo. Ma presto ritorneremo”.


Fonte: cospirazione.net

venerdì, aprile 20, 2007

Aerosol attack

ELIMINARE 4 MILIARDI DI UOMINI di Maurizio Blondet

«I carburanti fossili stanno finendo: sicchè dobbiamo tagliare la popolazione fino a due miliardi, un terzo di quella che c’è attualmente».

Parlava sul serio il professor Eric R. Pianka, zoologo evoluzionista dell’università di Austin in Texas(1) il 3 marzo scorso. La relazione che ha tenuto alla Texas Academy of Science è stata così delicata, che per ordini superiori è stata tenuta «off the records». Niente telecamere, niente pubblicazione: il grosso pubblico, ha spiegato lo zoologo, non è pronto a sentire quello che sto per dirvi. Ma l’hanno udita centinaia di studenti, docenti e scienziati. Dobbiamo ad uno studente, che ha preso appunti di nascosto, se sappiamo qualcosa. Pianka ha esordito deplorando «l’antropocentrismo», la malaugurata idea che l’uomo occupi un posto privilegiato nel mondo.

«Non siamo meglio dei batteri!», ha detto lo scienziato, ridanciano, fra gli applausi. La crescita della popolazione umana sta «rovinando» il pianeta. Bisogna salvare il pianeta prima che sia troppo tardi. Per salvarlo, ha detto, occorre che la popolazione umana sia ridotta al 10% di quella attuale («oltretutto, i carburanti fossili sono alla fine»).

Ed ha proposto le varie soluzioni possibili al problema. Ha ordinato: «prossima diapositiva», e sullo schermo dietro di lui è apparso un quadro dei Quattro Cavalieri dell’Apocalisse. Due di questi cavalieri, ha scherzato Pianka (decisamente era di buon umore) non sono «efficienti». La «fame» e la «guerra» non servono al nostro scopo.

Pianka ha lodato la politica cinese del figlio unico, con sterilizzazione forzata delle donne che infrangono la norma: «dovremmo sterilizzare ognuno sul pianeta», ha esclamato: «se no, gli incoscienti erediteranno la terra» (applausi, risate). Ma la sua preferenza va al cavaliere della «peste»: una qualche forma di pandemia è quel che ci vuole per uccidere rapidamente miliardi di persone.

Nuova diapositiva: file di teschi umani. L’influenza aviaria? Magari scoppiasse, ma ancora non basterebbe (risate dal pubblico). L’Aids? Decisamente troppo lento. Il primato dell’efficienza va all’Ebola: è straordinariamente letale e uccide in giorni, non in anni. «Si diffonde per via aerea e ammazza il 90 % degli infettati. Pensateci», ha detto sognante. Di fatto - ma questo lo zoologo non l’ha detto - l’Ebola è «troppo» letale: il virus uccide così rapidamente, da essere «auto-spegnente».

L’epidemia non riesce ad espandersi per la morte dei portatori entro poche ore. Per questo non è mai uscita dall’Africa Centrale, dove appare per focolai sterminatori. E non è nemmeno certo che si diffonda per via aerea: in Africa i primi infetti sono gli infermieri e i medici a contatto coi malati, sicchè la teoria prevalente è che l’Ebola virus si diffonda per contatto col sangue contaminato (2).
A meno che il virus non venga adeguatamente «mutato» in laboratorio: dopotutto, basta modificare un singolo amminoacido. E Pianka era mortalmente serio a questo punto. Se una manipolazione del genere sta già avvenendo in qualche laboratorio militare, il dottor Pianka non sarà fra quelli che denunceranno il crimine. Il pubblico ha applaudito con calore ed entusiasmo.

Poi, le domande: come prende le sue idee la gente cui le propone?

«Parlo solo ai convertiti», ha sghignazzato Pianka. Risate e nuovi applausi.

Il fatto è che i «convertiti» sono numerosi nell’establishment americano, e da lunga data.
Risale al 24 aprile 1974 il «Memorandum 200» per la Sicurezza Nazionale dal titolo eloquente: «Implicazioni della crescita mondiale della popolazione per la sicurezza degli Stati Uniti e i suoi interessi all’estero».

In questo memorandum, Henry Kissinger proponeva: «lo spopolamento (depopulation) dovrebbe divenire la prima priorità della politica USA verso il Terzo Mondo». Ciò perché «l’economia USA richiederà grandi e crescenti quantità di materiale minerario dall’estero, e specialmente dai Paesi meno sviluppati», la cui instabilità politica cresce con l’esplosione demografica. «Poichè la diminuzione della popolazione può accrescere la stabilità, la politica demografica diventa rilevante riguardo alle risorse, forniture e interessi economici degli USA».

Kissinger trasformò poi questo memorandum in un vero manifesto ambientalista per il presidente (Jimmy Carter) che si chiamava «Global 2000»: dove tra l’altro si contemplava la scarsità alimentare programmata per spopolare il terzo mondo. L’idea di una eliminazione demografica forzata è da allora più volte riemersa.

Il celebre Jacques Cousteau disse nel 1991 che «il danno che la gente impone al pianeta è in proporzione alla demografia e anche allo sviluppo. Un americano aggrava l’ecografia terrestre più di venti abitanti del Bangladesh. Il danno è direttamente proporzionale al consumo, e la nostra società avanza verso consumi sempre maggiori e superflui. E’ un circolo vizioso paragonabile al cancro».
Ma dopo queste frasi condivisibili, Cousteau aggiungeva: «per stabilizzare la popolazione mondiale, dobbiamo eliminare 350 mila persone al giorno. E’ una cosa terribile a dirsi, ma è anche peggio non dirla».

Qualche anno fa si scoprì che Sir Macfarlane Burnet, premio Nobel per la medicina nel 1960, aveva consigliato già nel 1949 il ministero australiano della Difesa di sviluppare armi biologiche contro le coltivazioni indonesiane per diffondere malattie: l’Australia temeva un’invasione di emigranti dalla sovrappopolata Indonesia.

Era possibile sviluppare epidemie di tipo tropicale, diceva lo scienziato, da cui la più temperata Australia sarebbe rimasta immune. Egli raccomandava l’introduzione di patogeni intestinali endogeni «che in un Paese con bassi servizi sanitari può innescare un’ampia disseminazione, per esempio attraverso l’acqua contaminata».

Anche «l’introduzione della febbre gialla» era raccomandata: «in un paese con i vettori-zanzara appropriati, può montare una epidemia disabilitante prima che siano messe in atto le misure di controllo». Macfarlane Burnet ha ricevuto il Nobel proprio per i suoi studi sulla selezione clonale, che hanno aperto la strada all’ingegneria genetica. Il rapporto di Macfarlane Burnet non era stato accolto. I politici, allora, erano meno folli degli scienziati. Il documento era rimasto segretato negli archivi nazionali australiani: lo ha scoperto nel 1998 Philip Dorling, uno storico di Canberra.

Maurizio Blondet

Note
1) Paul Joseph Watson, «Top scientist advocates mass culling of 90% human population», PrisonPlanet, 3 aprile 2006.
2) Le vittime dell’Ebola infatti sanguinano copiosamente da ogni orifizio corporeo. Il virus funziona liquefacendo gli organi interni; dissolve letteralmente il corpo malato, fra atroci dolori.

Fonte: www.effedieffe.com

giovedì, aprile 19, 2007

Rain (by Paolo)

Ho trascorso l'infanzia e la giovinezza in un ambiente rurale, agreste e pertanto sono sempre stato attento a quanto succedeva in natura comprese ovviamente le modificazioni meteorologiche. Da ragazzo mi piacevano in modo particolare i temporali primaverili ed estivi. Ho assistito a quelli che considero forse gli ultimi temporali spontanei negli Anni Sessanta.

Si originavano improvvisamente al punto che se uno si trovava anche ad un solo chilometro da casa o poco più, spesso non riusciva a non bagnarsi per quanto con la propria bicicletta pedalasse verso casa con la massima energia. Quei temporali meravigliosi e mai più visti scaricavano in breve tempo una enorme quantità di pioggia. Poco dopo tornava il sereno ma l'aria era intrisa di una umidità particolare che dava un sensazione di benessere e di rilassamento interiore. Sono emozioni lontane oltrechè difficili da evocare alla memoria e ormai irrimediabilmente perse.

Ogni incantesimo è rotto e non resta che l'amarezza di una natura corrotta ed inquinata oltre ogni limite ragionevole. Essa non fa che riflettere l'imputridimento di una umanità bugiarda e vigliacca che sembra divertirsi e provare gusto nella propria autodegradazione e nel fatto di rigirarsi nella propria melma.

Così stando le cose, di acqua non ce n'è quasi più ma in compenso gli aerei della morte continuano con dissennata ostinazione l'opera di irrorazione chimica del Pianeta. Dovremmo chiamare alla sbarra i poteri politici, militari e religiosi e chiedere spiegazioni. Le domande dovrebbero essere ormai dirette e non più oblique. L'inquinamento deliberato "c'est l'évidence meme". Ma, ahimè, sono tutti quanti d'accordo: forze governative e d'opposizione, banchieri ed industriali, mafia, camorra, gerarchie vaticane, piduisti e satanisti. Tutti si inchinano all'unica legge: quella del profitto e dell'accumulo di denaro per soddisfare il continuo e mai sazio bisogno di un disanimato potere.

Gli oppositori verranno portati via di notte e schiacciati senza pietà, soppressi nei campi di sterminio per essi già allestiti.

Paolo

lunedì, aprile 16, 2007

In un regime dittatoriale si è consapevoli di essere ad esso assoggettati. In una falsa democrazia (plutocrazia), invece, i cittadini sono convinti di essere liberi, quando in realtà non lo sono. Essi si illudono che le loro doglianze da cittadini senzienti e "liberi" siano un privilegio, ma non comprendono che le loro parole sono urla nel silenzio. Il potere ti assicura che puoi esprimere il tuo pensiero, ma in realtà se ne frega altamente di ciò che dici. Per quello siamo liberi di parlare... per ora.

Insomma... una truffa ben congegnata nella quale cade, purtroppo, il 99% della popolazione. Un'illusione. Uno specchio che riflette un'immagine meravigliosa, mentre siamo dei mostri, partoriti da altrettanti draconiani mostri.

domenica, aprile 15, 2007

Il corpo del "reato"


http://www.livevideo.com

Il 30 gennaio 2007 segnaliamo, attraverso un breve filmato inserito sul portale You-Tube, le sibilline frasi del meteorologo(?) Luca Mercalli, stralcio della trasmissione di RAI TRE: "Che tempo che fa", del 28 gennaio 2007. Il genio col farfallino allude ad attività di aerosol non ben identificate ed ammette che queste non sono la soluzione al problema del global worming, ma ne sono l'accentuarsi degli effetti deleteri. Ovviamente... panico e smarrimento nel volto di Fazio che, per qualche istante, guarda smarrito la regia. Tutto finisce lì, ma è lapallissiano che i meteorologi sono al corrente dell'"operazione scie chimiche" e che si divertono un mondo a prenderci per i fondelli, raccontando storielle sulle "innocue velature nel cielo e sulle innocue contrails o "cirrus aviaticus" (cirro della nonna). Come prevedibile, ecco quindi che la RAI scrive ai responsabili di You-Tube, per chiedere la rimozione di quel determinato filmato (e non di altri, registrati con le medesime modalità, che in rete sono milioni).

Dear Rosario,

We received notification from RAI Radiotelevisione Italiana S.p.A. When we're notified that a particular video uploaded to our site infringes another's copyright, we remove the material as the law requires. If you feel a content owner has misidentified your content as infringing, you may
file a DMCA counter-notification.

Il video è stato censurato dalla RAI, poiché il documento arrecava, evidentemente, un enorme fastidio all'immagine immacolata del meteorologo "allineato" Luca Mercalli, che da noi è stato inoltre di recente colto in fallo, in relazione ai suoi colpevoli silenzi e censure riguardanti il fenomeno delle scie chimiche.

You Tube censura? In Italia non esiste un DMCA infringment sul broadcasting televisivo! La RAI ha semplicemente inventato una violazione inesistente del copiright SOLO per tapparci la bocca!

Questa è la RAI, signori. Pagate il canone! Mantenete i censori del 21mo secolo!

sabato, aprile 14, 2007

Assemblea-conferenza a Sanremo sulle chemtrails

Il giorno 19 aprile si terrà un'assemblea d'Istituto organizzata dai Rappresentanti del Consiglio d'Istituto. Durante l'assemblea, che si svolgerà, nelle ore del mattino, al Palafiori di Sanremo, interverrà l'Ingegner E. C., che collabora da tempo con la redazione del sito sciechimiche.org e relativo forum, per illustrare il tema delle scie chimiche (chemtrails), nell'ambito di una campagna di sensibilizzazione su tale problema. Saranno mostrati video esplicativi e documenti di vario tipo, compresi i risultati delle analisi di acqua, terreno, piante. Si ringraziano il Preside del Liceo classico "G.D. Cassini", professor Mauro Mazzon, ed i Rappresentanti d'Istituto per il fattivo impegno profuso nell'organizzazione dell'assemblea.

domenica, aprile 08, 2007

CensuRAI

Absit iniuria verbis

Qualcuno osa criticare i Taleban, gli studenti islamici afghani, accusati di essere inflessibili e fanatici, ma quanto avviene all’interno del forum RAI non è poi così distante dalla condotta censoria tenuta dai tanto vituperati Taleban. La team community della RAI, infatti, in spregio delle regole che disciplinano le discussioni, tollera che alcuni utenti insultino, sbeffeggino, minaccino, pubblichino dati personali dei loro “antagonisti”, senza battere ciglio.

Invece, gli inquisitori della team community, non esitano ad espellere altri utenti che hanno rispettato tutte le norme. Che cosa spinge gli emuli di Torquemada ad agire in modo così fazioso ed iniquo? È sufficiente introdurre delle foto che ritraggono scie chimiche o inserire qualche documento per divulgare e denunciare l’attività di irrorazione per essere ipso facto banditi spesso in modo definitivo. Intanto i vari diffamatori imperversano con i loro beceri e volgari interventi, con le loro sfacciate menzogne o, nel migliore dei casi, con i loro mantra sulle quote e le temperature, sicuri di non essere neppure richiamati. È evidente che costoro sono i pupilli della Team community che riserva loro un trattamento privilegiato.

Qualsiasi sollecitazione nei confronti della settaria comunità affinché fossero tolti i dati privati ed almeno ammoniti quegli utonti che li introducevano, in violazione della legge sulla privacy, sono stati del tutto ignorati. Non solo, dopo la disdicevole performance della Gabbanelli, che attuò una vergognosa censura, chiudendo la discussione sulle scie tossiche, il geologo (?) con il piccone, bario tozzi, ha eliminato, una dopo l’altra, le varie discussioni sulle chemtrails o su temi in qualche modo correlati. Non sorprende certo la condotta ignobile di questi imbonitori che, con i loro programmi da quattro soldi, (Riporto, L’ape Gaya e paccottiglia simile) incantano un pubblico di sottosviluppati. Stupisce, invece, che molti utenti RAI pendano dalle labbra di questi impostori e si illudano che sono veramente interessati ai diritti dei cittadini ed alle sorti del pianeta. Codesti personaggi, avvalendosi degli sgherri della Team communisty, impongono la loro “verità”, con atteggiamento settario, mentre i loro piccoli fans (hanmar, cowboyfromhell, fonta, ieromod, iilaria, axlman, scie-nziato…) sputano il loro veleno o delirano, compiaciuti della loro infinita stupidità.

In un quadro così desolante, bisogna, però, riconoscere, a parziale bilanciamento di quanto sin qui esposto, che la RAI sul serio dimostra di essere, con le sue trasmissioni ed il suo forum, un vero servizio pubblico, sì perché è un… cesso.

mercoledì, aprile 04, 2007

La testimonianza di un ex scettico

Pubblico quella che, a mio parere, è un'importante testimonianza, non solo per la sua efficacia nell'esposizione, ma anche perché esprime in modo obiettivo e puntuale, il punto di vista di un "ex scettico" in relazione al fenomeno delle scie chimiche. L'utente del forum risponde quindi alle affermazioni relative ai suoi interventi in merito alle chemtrails.

Sono, grosso modo, le obiezioni che ho rivolto agli attivisti chemtrail quando è apparsa la discussione sul forum. All'inizio non solo dubitavo delle tesi che io stesso riporto in prima persona oggi, ma minacciavo più o meno velatamente, di sporgere denuncia contro anonimi per “procurato allarme”. Che come saprai è reato penalmente perseguibile. Ho poi condotto due mesi di ricerche su internet e sul territorio italiano. Ne ho tratto le seguenti conclusioni:

1- L'operazione è in atto da anni. Ha una estensione pressoché totale, ovvero riguarda tutti i paesi membri della NATO .

2- Non c'è alcun bisogno di operare occultamente poiché il livello di attenzione delle varie popolazioni soggette ad irrorazione è come al solito basso o inesistente.

3- Io stesso, reputandomi persona accorta e pignola, ho reagito in un primo momento con sdegno e incredulità e per settimane ho osteggiato apertamente e attivamente l'opera di divulgazione degli attivisti chemtrail.

4- Ciò che mi ha fatto ricredere sono state l'interpellanza di un parlamentare della Repubblica Italiana; le numerose e circostanziate interpellanze nel Parlamento Europeo ad opera dei Verdi; le interpellanze dei consiglieri comunali di Rifondazione comunista rivolte alla Regione Sardegna; la pubblicazione di documenti governativi ufficiali statunitensi che riportavano l'esistenza dell'operazione chemtrails in atto; la vastissima documentazione fotografica disponibile in rete in più di 50 paesi diversi, pubblicata da serie organizzazioni non governative, per lo più scollegate tra loro. Mi hanno persuaso inoltre la pubblica denuncia effettuata dagli attivisti chemtrails alla Procura della Repubblica di Milano ed al gruppo specializzato dei Carabinieri per la tutela dell'ambiente. (Secondo tali attivisti, i “verbali” di queste denunce sono depositati sia presso tali organi dello Stato sia nelle mani di accorti giornalisti della Redazione di Report.

5- In particolare è forse possibile chiarire alcune perplessità riportate da coloro che approcciano questa questione per la prima volta: le contrails o scie di condensazione sono un fenomeno artificiale indotto dalla condensazione delle molecole di acqua e altre sostanze di scarico delle turbine aviogetto in determinate circostanze (ma anche di motori ad elica). In particolare, ho riscontrato che tecnici preparati e qualificati affermano che dette contrails possono prodursi normalmente sopra gli 8.000 m, con un elevato tasso di umidità e ad una temperatura prossima ai -50° C. Empiricamente, ma concretamente, un velivolo che sfreccia a 8.000 metri di quota appare da terra come un puntino pressoché indistinto che si lascia alle spalle, lentamente, una sottile scia di condensazione che dopo qualche decina di minuti, svanisce completamente. In casi rarissimi, permane per alcune ore, rimanendo di larghezza pressoché costante. Una chemtrail, invece, viene rilasciata da un velivolo ben distinguibile nelle sue parti costitutive ad occhio nudo, senza bisogno di interpolazioni ottiche o zoom. Rilascia una sostanza non meglio precisata sotto forma di scia che permane per decine di ore allargandosi sempre più, sino a divenire una vera e propria foschia. Ho osservato a lungo tali fenomeni da terra e, seppur sbalordito e assai contrariato, ho dovuto ricredermi e sopportare una “realtà” che onestamente avrei preferito rimanesse nell'ambito della fantascienza.

6- Le mie perplessità permangono sia sui moventi sia sulla reale composizione chimica di tali areosol. Non ho alcuna competenza tecnica per produrre una simile interpretazione scientifica e non accetto le valutazioni degli attivisti chemtrails perché non mi sembrano sufficientemente cisrcostanziate. Tuttavia mi reputo sufficientemente sobrio e lucido per constatare che tali anomalie non possono in alcun modo essere spiegate con disquisizioni analitiche sulle rotte degli aviogetti commerciali e sui loro “nodi di scambio”. Inoltre posseggo un archivio di circa 200.000 diapositive 35mm raccolte in anni di attività professionale. Il cielo incidentalmente fotografato negli anni passati non ha nulla che vedere con ciò che posso fotografare oggi in un qualunque giorno della settimana, di un qualunque mese. Attualmente i cieli sono costantemente “velati” da una strana patina biancastra o dalle suddette chemtrails che, in anni di riprese fotografiche, non sono mai state presenti per interi mesi 24 ore su 24, come avviene oggi. Ma sicuramente anche voi sarete in possesso di materiali fotografici amatoriali d'archivio per fare raffronti autonomi e personali.

Non indugio in elaborate teorie sulle finalità di tali attività e mi preme segnalare che il modo di presentare una notizia é alle volte decisivo nel dare credibilità ad una tesi o ad una supposizione. Sicuramente le tecniche divulgative adoperate nell'ambito della discussione “scie chimiche” sul forum, non sono state impeccabili. Ma, a fronte della gravità di ciò che si andava dicendo, sono stati ben più gravi la mia superficialità analitica ed il mio pressappochismo. Invito tutti a non commettere i miei medesimi errori nel giudicare superficialmente ciò che apparentemente sembra inverosimile o grottesco.

Fonte: Scie Chimiche (Chemtrails)

lunedì, aprile 02, 2007

Analisi di fibre contenute nelle scie (articolo di FMM Research team)

Abbiamo tradotto le parti salienti di uno studio relativo ad accurate analisi di laboratorio di filamenti che vengono diffusi attraverso l’’abominevole operazione “scie chimiche”. Le analisi, condotte da due scienziati, il Dottor Karjoo e la Dottoressa Staninger, hanno consentito di stabilire una precisa correlazione tra le fibre contenute nelle sostanze di ricaduta ed i filamenti estratti dalla pelle di pazienti colpiti dal terribile morbo di Morgellons. Per evitare di appesantire il testo, non abbiamo riportato le percentuali riferite agli elementi chimici rintracciati nei campioni né dati tecnici non indispensabili alla comprensione dei contenuti fondamentali. Chi intendesse conoscere ogni particolare, potrà leggere l’articolo in lingua inglese.

Premessa

Sono stati inviati numerosi campioni di fibre sconosciute in vari laboratori nelle ultime settimane. Ci è stato richiesto di esaminarle al microscopio e di determinare le loro proprietà fisiche. Sono state compiute analisi spettroscopiche di vario tipo. Il personale di laboratorio ha anche comparato le fibre con altre nanofibre contenenti silicone e luminescenti.

Tutti i campioni sono stati confrontati con filamenti con punta dorata ricevuti dal Dottor Rahim Karjoo e dalla Dottoressa Hildegarde Staninger e con le fibre che sono state identificate come fibre di polietilene ad alta densità. Le analisi sono state eseguite dal Dottor Karjoo e dalla tossicologa Dottoressa Staninger, ricercatrice che si è occupata del morbo di Morgellons e che, a differenza di altri medici, ha subito riconosciuto l’eziologia non psicologica della malattia.

All’apparenza, qualche fibra analizzata assomiglia a fibre di carbonio e di silicone precedentemente studiate dall’Integrative Health International, LCC.

Sono state scattate fotografie ravvicinate e microfotografie (1000 X) di molti campioni.

Sono state viste forme inusuali e grumi strani.

Sono state identificate fibre anomale.

Sono state rintracciate fibre di polietilene e tracce di un'altra sostanza, un gel di colore marrone.

Sommario

Le fibre identificate non presentano struttura cellulare, ma hanno una forma nanotecnologica dalla funzione non determinata. La loro composizione chimica è estranea all’organismo umano. La pelle umana brucia o si scioglie a 165 gradi Fahrenheit (74° Celsius); le fibre resistono fino a 1400° F (760° Celsius) I tessuti umani non secernono gel e non è conosciuta una struttura cellulare umana che resista a temperature superiori ai 600° F (315,5° Celsius).

Le fibre esaminate risultano essere identiche a quelle trovate nei pazienti affetti dal Morgellons. Sono filamenti che si possono unire, allargare, espandere. Alcuni campioni hanno apparenze biologiche artificiali. Sono state individuate forme pseudo-biologiche contenenti DNA, RNA, microorganismi, proteine, enzimi, plasmidi (frammenti di DNA del citoplasma presente nei batteri) usati nell’industria delle nanotecnologie.

Analisi di alcuni campioni

1) Nel campione non risulta calcio, ma zolfo e si rilevano tracce di rame. Contiene poi sodio, alluminio e cloruro. Questi elementi sono usati nelle batterie insieme con l’idrossido di potassio, il piombo e l’ossido di nichel. Un composto noto come calcopirite serve per ottenere solfato di rame, ossido di ferro ed acido solforico. Quando è aggiunta la sabbia (SiO2) si ricava il silicato di ferro.

2) Nel campione sono stati isolati alluminio, fosforo, zolfo, calcio e cloruro. È importante notare che il verderame è tossico per alcuni microorganismi: è impiegato negli stagni per inibire la crescita di funghi e di alghe e per combattere le muffe delle vigne. Il solfato di rame e l'idrossido di calcio (poltiglia bordolese) sono spruzzati sulle colture di ortaggi (patate, pomodori) e sui vigneti. Da notare che ciascuno specimen comprendente calcio può aver contenuto in precedenza carbonato di calcio e calce. Queste conclusioni sono basate su dati relativi ad un “ago” trasparente estratto da una persona affetta da Morgellons.

3) Il campione è costituito da una sostanza simile ad una ragnatela caduta durante un’operazione chimica. Sono stati individuati nanotubi ed elementi come sodio, alluminio, fosforo, zolfo nonché elementi noti per le loro proprietà magnetiche ed usati nella batterie. I nanotubi incorporano delle microscopiche batterie che consentono alle fibre di muoversi agevolmente, anche sotto la pelle. Sono quindi nanorobots da cui dipende l’insopportabile prurito accusato dai pazienti. Le microbatterie possono interagire con le cellule e con l’acqua: quando ciò accade, si osserva un’alta elettroconducibilità nell’organismo.

4) Lo specimen contiene alluminio, zolfo, clorido, calcio, ferro, zinco, sodio, potassio. Pare che la struttura nanomolecolare di queste fibre sia concepita in modo tale da ospitare una “memoria”. Ciò ricorda la schiuma con la memoria progettata dalla N.A.S.A., una schiuma che mantiene la sua forma originaria.

5) Il campione coincide con uno pseudo-capello che non è di provenienza né umana né animale.

6) Il campione non appare come una fibra, ma come composto da granuli colorati. Il punto di fusione è superiore ai 400 gradi F.

Tutti i campioni sono raffrontabili con i filamenti trovati nei pazienti affetti dal Morgellons: si tratta di strutture nanotecnologiche. Analisi future potranno determinare le caratteristiche di biodegradabilità di questi nanotubi, nanofibre, nanofili, nonché gli effetti sulla salute di tali nanomacchine. Questi materiali sono stati progettati per scopi specifici che non sono ancora noti, ma che saranno compresi in un prossimo futuro.

7) Il campione sembra essere composto da silicone elastico ed è confrontabile con i filamenti estratti da pazienti affetti dalla sindrome denominata Morgellons. Si rileva anche un polimero organico. I campioni risultano contenere diversi composti nelle differenti aree della loro struttura. La fibra adiacente alla testa mostra poliestere, inoltre sono stati rilevati composti alifatici ed aromatici. I filamenti sono fluorescenti. Sono materiali prodotti dall’uomo e che non si trovano in natura.



Leggi qui vari approfondimenti sulle nanotecnologie.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...