venerdì, dicembre 23, 2016

False flag di Berlino: un film già visto



Siamo di fronte alla solita sceneggiatura, veramente poco originale. Diversi sono i punti che ci inducono a sorridere. Sì, perché ormai questi "attentatori" sono divenuti noiosi e ci hanno davvero stancato. Vediamo i punti fondamentali che portano ad una sola matrice che è quella governativa, dei servizi segreti internazionali.

a) L'autocarro di Nizza che si getta sulla folla ha avuto successo. Perché non ripetersi? In fondo una buona trama può essere ripetuta all'infinito con le dovute varianti, come ci insegnano gli sceneggiatori cinematografici. Detto, fatto.

b) Anche in questa occasione abbiamo una dispersa italiana (poi dichiarata deceduta) che, incredibilmente, non è una qualunque, ma ha partecipato al programma Erasmus, è fautrice dell'integrazione, ha due lauree e, per finire (questo non guasta) è graziosa e sorridente. Un'altra eroina come la Solesin.

c) Il "terrorista", rigorosamente islamico, "dimentica" un documento a bordo del mezzo, così può essere subito identificato.

d) Il "terrorista" scappa, ma poi viene ucciso. In merito a quest'ultimo epilogo alla "spaghetti western" siamo al ridicolo. I media spiegano che il jidahista ha viaggiato in treno ed ha superato indenne due frontiere. Il poliziotto che lo avrebbe ucciso a Sesto San Giovanni, in piena notte, è un agente in prova e su Facebook "aveva avuto un presentimento", scrivendo "L'ora più buia arriva subito prima dell'alba". Tutto confezionato nei minimi dettagli al fine di condire opportunamente la storia da fornire al popolo bue. Cadono letteralmente le braccia quando ci spiegano che il ricercato è stato fermato per un controllo, mentre vagava a piedi. Il Tunisino ha sparato agli agenti, ferendone uno, dopo aver estratto la pistola dal suo zainetto che aveva sulle spalle. Immaginate l'azione e fatevi anche voi due risate.



Un T.I.R. che impatta sul paletto, ma lo lascia in piedi. Ci sembra di rivedere la scena della Mercedes nell'omicidio Buonanno.




Vietata la riproduzione - Tutti i diritti riservati.

Sponsorizza questo ed altri articoli con un tuo personale contributo. Aiutaci a mantenere aggiornato questo blog.

La guerra climatica in pillole

Le nubi che non ci sono più

Per una maggiore comprensione dei fenomeni legati alla guerra ambientale in corso, abbiamo realizzato l'Atlante dei cieli chimici.

Chi è Wasp? CLICCA QUI

CHEMTRAILS DATA

Range finder: come si sono svolti i fatti

54 commenti:

  1. punto (a): oltre alla facile ripetibilità della dinamica, c'è da dire che se lo scopo del terrorismo è diffondere terrore a livello capillare, cosa di più efficace che rendere sospetto e minaccioso qualsiasi grosso autocarro, visto che ogni giorno in Italia ne circolano circa 5 milioni?

    E' anche questo un segno dei tempi: in passato i primi sospetti erano i motociclisti (soprattutto dopo l'obbligatorietà del casco), prima ancora lo erano i capelloni che viaggiavano con delle utilitarie francesi, prima ancora... ma quando organizzeranno qualcosa che agli occhi della gente renderà minacciose e sospette (in tal caso a ragione) le televisioni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come volevasi dimostrare: ora ogni TIR rappresenta una potenziale minaccia...:
      => http://voxnews.info/2016/12/25/islam-panico-per-tir-in-sosta-senza-autista/

      Elimina
  2. Ciao Paso, il problema è sempre uno: se non esistessero gli imbecilli, non esisterebbero gli imbonitori.

    RispondiElimina
  3. Frode in Turchia parata e corretta dalla frode monumentale a Berlino. Riedizione di quella di Nizza.

    E dicevano che era una natale noioso ! Pop corn no OGM in mano e via al cinema!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E Putin è solo un attore come gli altri...

      Elimina
    2. esatto, tutti attori, anzi guitti. tipo la sgangherata messa in scena di ankara, davvero ridicola. e ti dirò che secondo me l'aereo russo caduto nel mar nero è opera interna, classico inside job, probabilmente un omaggio di putin ai suoi padroni. basta analizzare i numeri di questo incidente per sospettarlo e basta vedere l'aria annoiata con cui putin (e il suo compare d'occasione) ha ripetuto le quattro frasi imparate a memoria dagli script di circostanza. Pessima recitazione e anche un paio di incertezze nel ricordare il testo, solo un cieco non si accorgerebbe di come tutta questa gente a est o ad ovest come a nord o a sud, stia recitando e ci stiano prendendo tutti per i fondelli

      https://www.youtube.com/watch?v=ZHJrq_OAKMg&t

      Elimina
  4. LOGICA! LOGICA! NEPPURE LA LOGICA E' SALVA QUI!

    La ricostruzione ufficiale:

    "Le tre di notte in piazza I Maggio, zona stazione. Una volante del commissariato viene inviata dopo una chiamata: qualcuno ha udito degli spari. I poliziotti arrivano e trovano un uomo, un maghrebino. E' a piedi, solo. Alla richiesta del capopattuglia di far vedere i documenti, estrae una pistola calibro 22 dallo zaino e spara."

    1) Non ci sono treni che da Milano Centrale (dove il nostro è arrivato durante la fuga di notte) vanno a Sesto S. Giovanni alle 2 o alle 3 di notte. Andate sul sito di trenitalia e controllate.

    2) Un terrorista che arriva per nascondersi nell'hinterland milanese non si mette a sparare. A chi poi? Alle 3 di notte? Suvvia non siamo ridicoli!

    3) La stazione di polizia sulla richiesta di intervento manda una volante con due giovani poliziotti determinati e il terrorista li aspetta nella stazione. Alla faccia del volersi nascondere perchè si è in fuga!

    Tutto il resto lo ha già detto Straker.

    RispondiElimina
  5. Ah il camion della strage era partito da Cinisello Balsamo e il "terrorista" viene freddato a Sesto S. Giovanni (a due passi da Cinisello). Coincidenza davvero. Un terrorista che si vuole nascondere ritorna a casa da dove è partito a mo' di pendolare.

    Il prossimo plot verrà girato a Cologno Monzese negli studi della De Filippi?

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. Sì oggi all'autolavaggio ho commentato questi punti con le persone lì. Non mi hanno contestato. Ad ogni mia obiezione semplicemente ripetuto le parole che hanno sentito ai TG per confermare le convinzioni indotte con ogni tanto un "bene che lo abbiano freddato". +

      Non sono le comiche siamo al mesmerismo puro a scala globale.
      Non so se invidiare la gente che si beve tutto. Vivono senza problemi e frustazioni intellettuali.

      Elimina
    2. Il potere si nutre dell'idiozia del popolo.

      Elimina
    3. A quanto pare lo Stato dietro lo stato utilizza questi giochetti per saggiare le reazioni della sheeple.

      A quanto pare, il consenso intorno alle istituzioni è sempre alto ... Bene avanti così con l'agenda NWO!

      C'è sempre un ma, quel Trump dall'America che manda all'aria molti piani. Da qui l'accelerazione improvvisa di Bollorè, attentati, governi posticci post referendari.

      Vedremo, rimangono ancora 6 anni.

      Elimina
    4. Senza dimenticare il commissariamento prossimo futuro dell'Italia.

      Elimina
  7. Un'altra stranezza:
    poliziotti che uccidono un (presunto) terrorista, subito eroi;
    poliziotti che uccidono per sbaglio un delinquente comune colto in flagranza di reato, subito processati.

    Che c'entri qualcosa il Trattato di Lisbona, che prevede la licenza di uccidere (solo) in caso di "sommossa" o "terrorismo"??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplice propaganda. Tanto il morto non esiste.

      Elimina
  8. Un T.I.R. che impatta sul paletto, ma lo lascia in piedi. Mi sembra di rivedere la scena della Mercedes nell'omicidio Buonanno. Questi ci pigliano per il c....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Straker non riesco a vedere il link.

      Elimina
    2. Ciao Ron, presumo che tu non abbia un account Google.

      Elimina
  9. E' TUTTO inventato: nessun Tunisino è stato ucciso a Sesto San Giovanni; nessun autoarticolato ha causato la morte di 12 persone a Berlino. E' un insieme di ballon d'essai, ossia di notizie false divulgate per saggiare la reazione dell'opinione pubblica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non si tratta solo di questo, ma anche di rituali massonici. l'elite ha i suoi rituali e sistemi di controllo delle masse, tra cui questi, poi c'è l'inganno, la menzogna continua e globale. Ma soprattutto il controllo mentale. Siamo di fronte ad una specie di gioco mentale, tra simbolismi, numeri, realtà ed illusione. Non so se avete notato le targhe del tir di berlino anteriore e posteriore, in questo caso serve un po' di numerologia. Poi c'è l'immagine del tir fermo davanti all'edificio Morgen-post, con un albero di natale infilato nel parabrezza. Morgen richiama Morgana, collegata all'illusione, infatti in tedesco morgana è sinonimo di luftspiegelung=miraggio, illusione, illusione ottica, ciò che sembra ma non è. Insomma, stiamo vivendo in un vero e proprio matrix.

      Elimina
    2. Siamo di fronte a schemi satanici.

      Elimina
    3. siamo in un film, ormai i confini tra finzione e realtà sono stati oltrepassati. il problema è che la stragrande maggioranza della popolazione mondiale vive nell'ignoranza più totale, crede a qualsiasi fregnaccia dei media e soprattutto viene indottrinata con falsità di ogni genere, fin dall'infanzia. una vera e propria programmazione mentale, che poi si completa in questo genere di mind game. il loro controllo è totale, ci hanno imbottito la testa di bufale, dalla loro falsa scienza, dalla nasa, alle false dottrine, ai governi fantoccio composti da pessimi attori ecc. ecc...la gente vive in un'illusione che non esiste. Questo mondo o meglio questa gabbia che ci hanno costruito intorno, è una bufala al 100%

      Elimina
  10. Stragi islamiche marketing israeliano (come a Nizza, Charlie Hebdo, 911 etc)

    http://www.maurizioblondet.it/stragi-islamiche-marketing-israeliano/


    Un passaggio

    "torniamo al nostro esperto che era a Breitscheidplatz pochi minuti prima che avvenisse la strage. Lo ha raccontato il Juedische Allgemeine, giornale ebraico di Berlino:

    http://www.juedische-allgemeine.de/article/view/id/27336

    Lo stesso giornale poi intervista l’esperto, e gli chiede: “Cosa la Germania può imparare da Israele” nella lotta al terrorismo islamico?
    Shlomo Shpiro - consulente anche della NATO per il terrorismo (come farlo?).
    Shlomo Shpiro – consulente anche della NATO per il terrorismo (come farlo?).

    http://www.juedische-allgemeine.de/article/view/id/27345

    “Fare come Israele”, “impariamo da Israele”, è il leitmotiv che è risonato anche dopo la strage di Nizza."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esattamente. e lo dicono tutti anche il signor putin, altro fantoccio ben mimetizzato, ma estremamente scodinzolante e sottomesso al suo padrone. Dobbiamo renderci conto, aprendo bene gli occhi, che tutti i governi mondiali, nessuno escluso, sono sotto stretto controllo, anzi è giusto definirli come delle semplici troupe o compagnie teatrali, lo stesso dei guitti utilizzati per queste grottesche messe in scena. Ogni nazione ha installata la sua compagnia di fantocci guitti, che chiamano governi. O capiamo questo una volta per tutte, o continueremo a girare intorno al problema all'infinito, senza venirne mai a capo.

      Elimina
  11. Sesto San Giovanni. San Giovanni è il patrono della massoneria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti e si trova a due passi da Cologno Monzese. IL tunisino nella sua "fuga" è passato dalla Francia.
      Chi ha orecchie per intendere ... intenda!

      PS: Straker puoi postare la foto del paletto non su Google? Grazie

      Elimina
    2. Grazie mille, incredibile!

      Le motivazioni di queste messe in scena credo che le abbia fornite Blondet nel post sopra.

      Elimina
    3. notare anche il 66 al termine della targa posteriore. Importante cosa da notare, la Breitscheidplatz dove si è consumato il rituale si trova a queste coordinate geografiche
      52° 30′ 17″ N, 13° 20′ 8″ E
      da cui possiamo estrarre 5+2=7 che rappresenta uno dei numeri fondamentali dell'occultismo massonico, la G la settima e fondamentale lettera che sta per G-nosi, la conoscenza superiore, che appare in molti simboli massonici. E naturalmente non poteva mancare il 13. ma questi simbolismi andrebbero ulteriormente approfonditi. rimane il fatto di queste messe in scena lugubri quanto simboliche. ma dietro c'è sempre un mind game.

      Elimina
  12. Dubbi mainstream che non sfiorano i magistrati.

    http://blog.ilgiornale.it/foa/2016/12/24/amri-quei-tre-misteri-che-nessuno-chiarisce/

    e riposto quello di straker che coincide con i miei di dubbi postati già qui

    http://www.ilgiornale.it/news/politica/amri-ucciso-due-passi-dove-era-partito-tir-1345733.html

    Dormite , dormite voi che dovreste indagare. Dormite il sonno della ragione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda caso i magistrati indagano Marcianò se solleva dei dubbi, ma non si accorgono che li stanno perculando alla grande. O sono complici? Buona la seconda.

      Elimina
    2. il dubbio non può far parte di chi è parte del gioco e del meccanismo. c'è chi sta sopra e comanda e chi esegue, semplice no?

      Elimina
  13. I testimoni dell'hoax di Berlino sono tutti giornalisti.
    https://youtu.be/jPG5kOfmrn0

    RispondiElimina
  14. L’attentato di Berlino e la strana morte di Anis Amri

    https://aurorasito.wordpress.com/2016/12/24/lattentato-di-berlino-e-la-strana-morte-di-anis-amri/

    "Il quartier generale del Mossad in Italia è a Milano. Hanno cercato di avvertirci."

    "Chi ha effettuato l’attentato al mercatino di Berlino era del gruppo di destra ‘bianco’ collegato ai servizi di sicurezza e ai sionisti? Lutz Bachmann, il capo del PEGIDA ha detto che la Germania deve rimanere ‘ebraico-cristiana’. Sionista."

    "certi servizi di sicurezza hanno piazzato la carta d’identità del ‘capro espiatorio’ nel camion? Perché c’è voluto così tanto tempo per ritrovarla? Il governo tedesco ha detto che non poteva espellere Anis Amri perché non aveva alcuna carta d’identità. Come ha fatto a comparire magicamente sul camion? "

    RispondiElimina
  15. Ecco il nome dell'agente israeliano hlomo Shpiro

    "Il professor Shlomo Shpiro è un esperto di terrorismo dell’Università di Bar-Ilan di Tel Aviv. Era al mercatino di Natale di Berlino poco prima dell’attentato. “Solo dieci minuti prima che il camion finisse sulle bancarelle, il professor Shlomo Shpiro, esperto di terrorismo presso l’Università Bar-Ilan di Tel Aviv, passeggiava nello stesso mercatino“. Israelischer Terror-Experte im BILD-intervista über den Anschlag…/Anschlag in Berlin – so erlebte Terrorismus-Experte Shpiro"

    RispondiElimina
  16. Grazie dei graditissimi auguri che ricambio di cuore a tutti.

    Dalla kruklandia
    wlady

    RispondiElimina
  17. Avete presente il testimone italiano (https://www.youtube.com/watch?v=H5p8ucLMiPc) "scampato" alla strage di Berlino? E' un attore: https://www.youtube.com/watch?v=KXx4h0AWkwA 

    RispondiElimina
  18. Risposte
    1. E della vittima italiana, cosa si sa di lei prima dell'attentato? Su FB e Linkedin non c'è molto.

      Elimina
    2. Giunti a questo punto non penso valga la pena elucubrare oltre. :-)

      Elimina
    3. Sì ho visto sul sito TE le varie ricerche di pantos che riporto per completezza del dossier qui.

      http://www.eurasia-rivista.com/?s=fabrizia+di+lorenzo

      http://www.ilprimatonazionale.it/cronaca/la-tragica-profezia-di-fabrizia-di-lorenzo-in-siria-islamisti-sono-braccio-armato-usa-54930/

      Grazie!

      Elimina
    4. Grazie a te, Ron. A questo punto mi viene il sospetto che codesta ragazza sia davvero morta, ma non per mano di un jidahista...

      Elimina
  19. qui non siamo più di fronte alle solite false flag. ormai siamo a un livello superiore, siamo alla messa in scena con compagnie di guitti. un film già visto e rivisto qui come in altri continenti. ma ormai tutti i governi mondiali sono semplici troupe di guitti, ogni nazione ha la sua compagnia teatrale. guardate la troupe del cremlino quale sgangherata messa in scena ha organizzato in quel di ankara, roba da scompisciarsi. ma la gente ama farsi prendere per il culo

    RispondiElimina
  20. leggendo questo interessante articolo e i commenti sottostanti, non so se la ragazza possa davevro essere morta, magari non a berlino, dove si è svolta solo una squallida messa in scena. resta l'immagine della rosa rossa posta sulla sua bara all'aeroporto di fiumicino. un evidente messaggio massonico. certo è che sembra di assistere ad un film già visto e rivisto come al bat-aclan per esempio. o alle false sparatorie in usa, inventate ed organizzate di sana pianta. ma tra il bataclan e berlino ho notato uno stesso schema delle presunte vittime italiane, stesso tipo di donne in carriera all'estero, studentesse, giovani e attiviste, probabilmente anche arriviste. forse crisi actor, ma forse di più, con un futuro migliore lontano dall'europa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo! Sono perfettamente d'accordo.

      Elimina
    2. se fai un favore al padrone verrai ricompensato adeguatamente e questa è una regola in certi ambienti. potrei trovare in giro tanti esempi, ieri ne ho visto uno per esempio, ma mi sembra inutile. le cose sono ormai lampanti.

      Elimina

ATTENZIONE! I commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...